Homepage di Lazio-SIDE
FILAS - Finanziaria Laziale di Sviluppo
Luiss Business School
CATTID

Login Form

Link us

cliccare per accedere alle funzioni di social bookmarking...  

Help on line

nessun aiuto disponibile  

RSS generator

RSS 2.0  

Send URL to a friend

cliccare per consigliare questa pagina ad un amico...  

Header - Bookmarks

preferiti disattivati per utenti anonimi  

Online stats

163 utenti online
BUSINESS NETWORK ATTUALITÀ NEWS L'IPAD A SCUOLA, NEGLI USA È REALTÀ

L'iPad a scuola, negli Usa è realtà

cliccare qui per valutare (1)cliccare qui per valutare (2)cliccare qui per valutare (3)cliccare qui per valutare (4)cliccare qui per valutare (5) voto: 5.0 (1  voto)
 
 

*
martedì, 20 settembre 2011

Oltreoceano l'iPad viene utilizzato in diversi progetti, in università e nei servizi all'infanzia. A Yale lo regalano agli studenti di medicina, nel Maine lo usano all'asilo.
 
Probabilmente tutti gli studenti italiani che, rispondendo a una recente indagine effettuata all'inizio dell'anno scolastico, hanno espresso il desiderio di avere l'iPad come strumento didattico moriranno d'invidia. Perchè negli Stati Uniti l'iPad in classe è una realtà, anche in università. In generale negli Usa sono due i settori in cui in quest’ultimo periodo l’iPad ha trovato un impiego a valenza educativa e sociale: l'istruzione, appunto (in particolare l'educazione dei bambini e l'università) e la sanità.

Del resto ormai l’Ipad, l’Ipad2 e tutto quello che si svilupperà intorno a questo strumento di comunicazione, ruota intorno alle potenzialità e alle possibili tipologie di fruitori. Alcuni commenti critici hanno valutato come il tablet sia particolarmente funzionale in merito alla velocità, alla comodità e alla semplicità di utilizzo, sostenendo come sia nato per fruire di contenuti multimediali e non per crearli.

Ebbene, vediamo come lo stanno usando negli Usa. Partiamo dall’Università di Yale, ente  privato, con sede a New Haven nel Connecticut, fra le più prestigiose e antiche (è nata nel 1701) d'America. Nella Facoltà  di Medicina hanno pensato di regalare ad ogni studente un Ipad 2, diverso in funzione dell’anno di iscrizione. O meglio, per tutti il tablet è l'iPad 2 a 64 GB con connessione wi-fi e 3G, ma agli allievi del primo-secondo anno viene preinstallato il curriculum della professione medica, mentre per quelli del 3 e 4 anno saranno inserite le specifiche informazioni accademiche sugli studi prescelti.

Una scelta che mediaticamente ha fatto il giro del mondo (si pensi alle condizioni di studio e frequenza nelle nostre sedi universitarie) e che si basa sul valore anticipatorio che l’ICT può avere nella cura, preventiva e diagnostica, dell’uso della telemedicina.

La qualità delle immagini, l’interattività con altri studenti, le ricerche bibliografiche e il positivo impatto ecologico nel risparmiare enormi quantità di carta, hanno creato grandi aspettative per questa inusuale dotazione e donazione universitaria.

L’iPad potrà inoltre accompagnare gli studenti nelle visite ospedaliere per analizzare i dati fisiologici dei pazienti ed essendo materia in cui la privacy è d’obbligo, il tablet è stato realizzato con la possibilità di rimuovere tutti i dati raccolti in caso di smarrimento.

L’altra sperimentazione ha sicuramente un minor impatto professionale ma determina accesi dibattiti in ambito educativo e sociale: l’impiego dell’Ipad negli asili. Fa per esempio molto discutere l'esempio dello stato del Maine, ai confini con il Canada, nella zona nord-orientale degli Usa, pochi abitanti (meno di 1,5 milioni).

Qui, è stato presentato un progetto per cui in 300 scuole materne le insegnanti potranno utilizzare l’Ipad per far imparare l’alfabeto, la matematica e l’arte del disegno, oltre alla percezione dei suoni tramite canzoni, musiche, ecc..

Nativi digitali: mai termine è stato più appropriato ma, oltre al costo (200.000 dollari) proponibile solo in determinati contesti, siamo proprio sicuri che il touchscreen sia più formativo della mano della maestra?


tags: ipad, scuola


 

 

Affine elements

Affine elements

Gruppi e workgroup affini

“RETE GLOCALE”  “Think global act local” “RETE GLOCALE” “Think global act local”
Idee e relazioni per attivare percorsi di sviluppo socio-economico del territorio, in una prospettiva di azioni collettive che valorizzino le risorse locali tangibili ed intangibili. Il Gruppo "...


 

Affine elements

Comments (List)

Comments (Add)

aggiungi commento

 
e-mail 

 

 

Google Adsense

Link sponsorizzati

 

xxxx